fbpx

  Quale pianoforte digitale comprare? La parola all’esperto

Quale pianoforte digitale comprare? Questa domanda, soprattutto in autunno, mi viene rivolta decine e decine di volte. E’ molto difficile dare una risposta esatta alla domanda sul pianoforte digitale, perchè il discorso è ampio e variegato. Un campo soggetto in particolare a molti fattori tra cui, non ultimi, il budget dedicato all’acquisto del pianoforte digitale.

In questo articolo vedremo dei pianoforti digitali di fascia entry level, quindi quelli tra i più economici in commercio, ma di qualità.

 

Vediamo innanzitutto perchè comprare un pianoforte digitale

 

Le ragioni per cui si acquista un pianoforte digitale sono svariate e ho cercato di riassumerle nella maniera più sintetica possibile.

 

  1. Il pianoforte digitale può essere consigliato per svariati motivi primo fra tutti il costo notevolmente inferiore rispetto ai pianoforti acustici.
  2. E’ inoltre indicato per chi comincia i primi approcci con lo studio del pianoforte e per chi ha problemi di spazi all’interno della propria abitazione o del proprio studio,
  3. Il pianoforte digitale è consigliato anche a chi, per lavoro, è spesso in viaggio ed ha la necessità di portare con sé lo strumento.
  4. Quasi tutti i pianoforti digitali, inoltre, hanno un’uscita, a volte anche due. per le cuffie in modo tale che si può abbattere il suono verso l’esterno ed usarlo in totale tranquillità senza disturbare.

 

Il pianoforte digitale è composto da 88 tasti pesati con 7 ottave.

I tasti, cioè, sono pressochè simili a quelli di un pianoforte acustico.

 

Alcuni pianoforti digitali hanno la possibilità di riprodurre i suoni di più pianoforti classici e hanno anche una serie svariata di effetti sonori.

 

Il piano digitale ha una pedaliera ed ha tra le proprie caratteristiche la dinamicità cioè se si preme in maniera leggera un tasto il suono uscirà piuttosto debole se si preme il tasto in maniera più forte il suono uscirà di conseguenza più forte.

 

Insomma, i pianoforti digitali migliori duplicano fedelmente il suono di un pianoforte acustico.

 

Partiamo dai prodotti più economici ma di grande qualità:

 

PIANOFORTE DIGITALE ARTESIA PA88H

Il pianoforte digitale Artesia è senza dubbio una delle migliori scelte nel rapporto qualità prezzo che si possa fare.

Tra gli entry level economici è quello che offre maggiori caratteristiche al prezzo più basso.

Di seguito elencate le caratteristiche principali:

 

  • Tastiera: 88 tasti pesati hammer-action
  • Voice: 16 Campioni Layered Acoustic Realism Instrument
  • Polifonia: 64 Note con effetti attivi
  • Controlli: Master Volume, Demo, Reverb, Chorus, Metronomo
  • Voice Control: Layer, Layer level, Keyboard sensitvity, Tuning
  • Tempo: 40-240
  • Metronomo: On/Off, Level, Time signature
  • Pedale: Sustain (incluso)
  • Effetti: Reverb, Chorus
  • Demo Song: 16
  • MIDI: Canali 1-16, Local On/Off
  • Speaker: YDT816 15W/4 Ohm x2
  • Connettori: USB to Host, MIDI Out, Sustain, Line Out (R), Line Out (L) (Mono), Cuffie, Alimentatore

 

 

 

 

 

pianoforte digitale 88 tasti pesati Ringway

 

 

 

Un pianoforte dal design compatto e con tutte le funzioni dei pianoforti di questa fascia di prezzo.

Di seguito ho voluto riassumere le caratteristiche principali dello strumento che, conitnuo a dire nonostante il prezzo, è davvero dotato di tutto ciò di cui si ha bisogno per imparare a studiare:

  • Tastiera: 88 tasti Graded Hammer Action
  • Display: LCD
  • Voci: 16
  • Polifonia: 64 note
  • Funzione voce: Layer, Touch, Transpose, Split, Metro, Duet
  • Pedali: Sustain
  • Effetti: Riverbero, Chorus
  • Canzoni demo: 16
  • Registrazione dei brani: Registra due tracce singole
  • MIDI: Transmit Setting, Local Control, USB MIDI
  • Connettori: MIDI Out, MIDI In, Pedal, Line Out, Line in, Phone, Midi USB
  • Potenza di uscita: 15W x2
  • Accessori in dotazione: Manuale dell’utente, pedale sustain, rack musicale, alimentatore A/C

 

 

 

Tra i pianoforti digitali di prezzo leggermente superiore che vi voglio consigliare ci sono due pianoforti Yamaha e, nello specifico, il modello Yamaha P 45 e Yamaha P 125.

 

La Yamaha non ha bisogno di presentazioni ed è senza dubbio una delle migliori case produttrici di strumenti musicali.

Questo pianoforte digitale è di ottima qualità un buon rapporto qualità prezzo a mio avviso abbastanza buono.

Caratteristica importante del modello P45 è la tastiera Graded Hammer standard che consente di acquisire una buona tecnica per la posizione delle dita. Ha una polifonia a 64 note, una libreria con 10 demo e 10 brani pianoforte.

 

Il prezzo non è certamente economico e ciò che influisce molto sul prezzo, è proprio il marchio della casa nipponica.

 

Sempre della Yamaha si segnala anche il modello P125, lanciato lo scorso anno che oltre ad avere un’ottima qualità del suono, si caratterizza per la sua linea snella e minimal che lo fa risultare di facile fruizione.

Oltre agli 88 tasti pesati ha 24 suoni strumentali corrispondenti a quelli di 4 pianoforti a coda. E’ possibile spaziare tra i suoi 20 ritmi, le 21 demo ed i 50 brani per pianoforte pre impostati.

 

 

 

 

Con un costo leggeremente inferiore allo Yamaha P 45, ho voluto inserire il Casio CDP S 100. Il pianoforte ha di fatto preso il posto dello storico Casio CDP 130 ormai fuori commercio.

 

 

Molto apprezzato il modello CDPS 100 della CASIO con il suo nuovissimo meccanismo a martelli ed una libreria di suoni tutta rivisitata. E’ leggerissimo e  può funzionare  anche con le batterie. Ha sempre 88 tasti con risposta al tocco, una tastiera scaled hammer action e alcune utilissime funzioni che riportiamo di seguito:

 

 

  • 88 Tasti pesati hammer action
  • Polifonia: 64 voci
  • Suoni: 10
  • Funzione Layer
  • Funzione app (Chordana Play per Piano)
  • Funzione Transposer
  • Metronomo
  • Riverbero (4) e Chorus (4)
  • 2 Demo Song
  • USB to Host
  • Jack per cuffie
  • Connessione per pedale
  • Ingresso audio
  • Altoparlanti: 2x 8 Watt
  • Colore: Nero
  • Accessori inclusi: Pedale, alimentatore A12150LW, leggio

 

 

Per restare nella fascia degli entry level di buona qualità voglio suggerire anche un 88 tasti della Studiologic.

 

 

 

 

Strumento compatto e leggero è una versione più nuova e di alta qualità adatta anche per concerti dal vivo. Ha altoparlanti all’interno del cabinet e un amplificatore digitale. Ha 99 programmi utente, 1 gb di memoria. Ha un’ottima qualità del suono. Superiore alla media.

 

 

 

 

 

Supera le aspettative anche il pianoforte digitale della famosa casa produttrice Korg, modello B1.

 

Il pianoforte con 8 suoni una polifonia di 120 voci è facile da utilizzare ed ha un ottimo suono, inoltre è stato costruito con le più moderne tecnologie in uso ed ha una tastiera che emula perfettamente il piano acustico. Queste le caratteristiche principali dello strumento

 

 

  • 8 Suoni accuratamente campionati
  • Tastiera 88 tasti Natural Weighted Hammer (NH)
  • Effetti di Reverb & Chorus incorporati
  • Sistema di amplificazione incorporato con nuova tecnologia MFB (Servo Technology)
  • Pedale Damper (in metallo) fornito in dotazione
  • Partner Mode ideale per le lezioni di piano
  • Leggìo in grado di sostenere le partiture più ingombranti

 

 

 

 

Questi sono soltanto dei modelli scelti in base all’esperienza della mia professione. Spero di esservi stato d’aiuto nella scelta.

Stefano Fonzi

Call Now Button

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi