fbpx

Strumenti Musicali | Quale scegliere? Consigli dell’esperto

Una guida rapida e dettagliata alla scelta degli strumenti musicali.

Un prospetto rapido per conoscere le famiglie degli strumenti, la loro divisione, i modelli più conosciuti e i prezzi di mercato di ogni prodotto.

Gli strumenti vengono divisi in varie famiglie. Per semplicità abbiamo riassunto tutti gli strumenti in quattro categorie princiapali:

  • Strumenti a fiato
  • Strumenti a corda
  • Strumenti a percussione
  • Strumenti a tastiera

 

Gli strumenti a fiato sono quelli la cui emissione del suono è generata dal movimento di una colonna d’aria all’interno dello stesso strumento.

I fiati emettono il suono o attraverso l’utilizzo di una imboccatura, o per mezzo della vibrazione di un’ancia.

Il flauto, ad esempio, emette il suono per mezzo dell’imboccatura, senza ausilio di altri “mezzi” che facciano da tramite e il suono è prodotto direttamente all’interno del “tubo” dello strumento.

Altri strumenti, come ad esempio il sassofono, generano il suono attraverso l’imboccatura, più comunemente detto bocchino, sul quale è fissata un’ancia, che è un sottiilissimo strato di “legno” messo in vibrazione dalla colonna di aria.

Nelle figure di seguito trovate i quattro esempi di imboccature principali per strumenti musicali a fiato.

 

  • Imboccatura del Flauto Traverso

 

imbocattura flauto traverso strumenti musicali a fiato

  • Imboccatura del Sassofono Contralto – Utilizzo dell’ancia semplice

imboccatura bocchino del sassofono contralto

  • Imboccatura della Tromba

 

bocchino-o-imboccatura-tromba-in-sib

  • Imboccatura Oboe – Utilizzo ancia doppia

 

ancia doppia oboe

 

Gli strumenti a fiato si dividono in due grandi categorie:

  • Legni
  • Ottoni

 

    • Legni

I legni, anticamente detti tali perchè costruiti interamente in legno in osso o, in alcuni casi, in avorio, sono gli strumenti con il suono più delicato tra gli strumenti musicali a fiato.

 

      • Flauto

  • Il flauto è il più piccolo della famiglia dei legni. Esistono diversi modelli e tipi di flauto. I più comuni sono il flauto dolce, il flauto traverso e l’ottavino, il più piccolo della famiglia.
        • Il costo del flauto varia da pochi euro, per un flauto dolce, fino a diverse migliaia di euro per modelli di flauto traverso o flauto in sol e simili. Difficile stabilire un prezzo ideale per chi vuole iniziare a suonare questo strumento. Quello che sicuramente possiamo suggerire è di affidarsi a marche note come Yamaha. Prodotti di qualità ad un prezzo più che accettabile. Nello specifico vi suggeriamo il Flauto Yamaha YFL 222. Per approfondimenti su questo strumenti, potete leggere anche la recensione del nostro esperto sul Flauto YFL 222.

flauto traverso yamaha

 

 

      • Oboe

  • Lo strumento arrivato al grande pubblico grazie al film “The Mission” con la Colonna Sonora del M° Ennio Morricone e il brano Gabriel’s Oboe. Costruito prevalentemente in Palissandro o Grenadilla, ha un suono penetrante ma molto caldo e intenso. L’oboe è uno strumento piuttosto costoso ed è praticamente impossibile trovare uno strumento di qualità discreta ad un prezzo che stia sotto i 1.000 euro minimo. Dopo lunghi periodi di ricerca abbiamo valutato come migliore nel rapporto qualità prezzo, l’Oboe Yamaha YOB 241, il più economico dell’azienda giapponese, ma uno strumento di ottima fattura, considerando il prezzo piuttosto a portata di mano.

 

 

oboe yamaha yob 241

 

  • Uno strumento costruito prevalentemente in legno, ma a volte si trovano clarinetti di bassa qualità costruiti in materiale plastico che sconsigliamo. Il clarinetto più utilizzato è il clarinetto in Sib ed ha una forma molto simile a quella dell’oboe, tanto che spesso i due strumenti vengono confusi con facilità dai non addetti ai lavori. Il clarinetto, che produce il suono per mezza di un’ancia semplice, e non doppia come quella dell’oboe, è uno strumento molto versatile e il suono può variare moltissimo in base al registro, all’emissione di aria e, non ultimo, all’impostazione delle labbra nei confronti dell’imboccatura. Il costo del clarinetto, a differenza dell’oboe, varia moltissimo da modello a modello e da marca a marca. Può passare da poche decine di euro, fino a diverse migliaia. Abbiamo trovato per chi ci legge due Clarinetti in Sib di buona qualità ad un prezzo più che conveniente. Sono il Clarinetto Yamaha YCL 255 S e il Clarinetto Leblanc CL 655.

 

clarinetto in sib yamahaclarinetto in sib leblanc cl 655

 

 

      • Fagotto

  • Il più grande tra i legni, il fagotto emette il suono per mezzo dell’ancia doppia come l’oboe, ma ha una forma assolutamente diversa e singolare. Nel registro alto ha un suono particolarmente caldo e intenso, mentre nella parte bassa riesce a conferire un suono buffo e particolarmente sonoro. Il fagotto, così come l’oboe, è uno strumento molto costoso ed è impossibile trovare un fagotto che costi meno di 1.000 euro. Sono strumenti particolarmente rari da acquistare.

fagotto da studio in offerta

  • Il sassofono, o sax, o saxofono, è certamente quello più conosciuto al grande pubblico. La famiglia dei sassofoni, così come anche per altri legni, è composta da diverse tipologie di strumento che vanno dal più piccolo al più grande. I sassofoni più in uso sono il sassofono Soprano, il sassofono Contralto, il sassofono Tenore e il sassofono Baritono. Quello più utilizzato per chi inizia a studiare è il sassofono Contralto, soprattutto per via delle dimensioni e della semplicità di emissione ed esecuzione, rispetto agli altri della famiglia. Pur essendo uno strumento non costruito in legno, rientra nella famiglia dei legni. Il costo del sassofono contralto da studio varia da circa 200 euro per uno strumento di scarsa qualità, fino a diverse migliaia di euro. Abbiamo selezionato due modelli di Sassofono Contralto di buona qualità a prezzi accettabili. Il Sassofono Contralto Yamaha YAS 280 e il Sassofono Contralto Grassi SAL 700, che pur essendo uno strumento di fascia ben più bassa, riesce a garantire dei buoni risultati.

 

sassofono contralto yamaha inquadratura posteriore

 

 

 

    • Ottoni

Gli ottoni sono l’altra parte degli aerofoni e sono quegli strumenti i quali emettono il suono per mezzo della vibrazione dell’aria generata dal musicista che appoggia le labbra sul bocchino, soffiando direttamente dentro il tubo.

I più diffusi sono:

  • Uno degli strumenti a fiato più conosciuti al grande pubblico è senza dubbio la tromba. Esistono diverse tipologie di tromba che vanno, come abbiamo già visto anche per altre famiglie, dalla più piccola alla più grande cambiando sonorità, registro e tonalità. Attualmente la tromba più diffusa e, in ogni caso quella che si utilizza per iniziare a studiare, è la tromba in Sib. Utilizzata sia nella musica classica che nella musica jazz e moderna, la tromba in sib è uno strumento facilmente reperibile anche con pochissimi euro. Si possono trovare trombe a partire da 80/90 euro, considerando chiaramente che sono prodotti di scarsa qualità. Come sempre, ci teniamo a specificare che è meglio evitare strumenti di qualità scadente, poichè non aiutano l’esecutore, soprattutto se si tratta di un bambino che deve iniziare. Per i nostri lettori abbiamo selezionato due tipologie di tromba di buona qualità a prezzi assolutamente buoni. Sono la Tromba Yamaha YTR 3335 e la Tromba Bach TR 501 S.

 

tromba in sib yamaha

 

  • Il trombone è uno strumento dalle sonorità molto interessanti e particolarmente intrigante anche dal punto di vista dell’emissione sonora. Costituito da una parte fissa e da una parte mobile detta coulisse, il trombone cosiddetto a tiro più conosciuto è il trombone tenore in Sib. Esistono altri modelli ma non sono certamente consigliati a chi deve iniziare lo studio di uno strumento musicale. I tromboni sono facilmente reperibili e hanno ormai prezzi che variano da poche centinaia di euro, fino a diverse migliaia. Nella categoria tromboni a coulisse, abbiamo selezionato per i nostri lettori un trombone entry level ad un prezzo molto conveniente e un altro di qualità superiore ad un costo ovviamente più elevato. Il più economico dei due è il Trombone Grassi TRB 150 MK II, mentre il più costoso è il Trombone Yamaha YSL 354 E.

 

trombone yamaha in sib

  • Il corno francese, o più comunemente detto Corno, è uno strumento dalle sonorità uniche che possono variare dall’espressività di ogni singola nota cantata, fino ad arrivare al tremore provocato da ogni singolo suono grave che incute timore e paura. Il suo utilizzo è davvero ampio e varia dalla musica classica, passando alla musica contemporanea più evoluta, fino ad arrivare a band di fiati in stile jazz, tipo street band e simili. Esistono varie tipologie di corno ma ad oggi quello più diffuso è il Corno doppio. Quando si acquista un corno per studiare, tuttavia, è meglio chiedere suggerimenti ad un musicista specializzato per evitare di acquistare, come spesso accade, corni singoli che nella professioni e negli studi non possono di fatto essere utilizzati del tutto. Il corno è uno strumento piuttosto costoso e sono poche le aziende che fabbricano buoni strumenti da studio. Per i nostri lettori abbiamo selezionato due modelli di corno francese doppio: Corno Francese Yamaha YHR 567 D e il Corno Francese Holton H378ER.

corno doppio in fa holton

      • Basso Tuba

  • Senza dubbio lo strumento a fiato più grande in senso assoluto. Esistono diversi tipi di basso tuba che variano a seconda delle dimensioni e delle tonalità. Sono strumenti piuttosto inusuali per chi inizia e si avvicina alla musica, e non è certamente consigliato per i bambini, soprattutto i più piccoli. Il basso tuba è uno strumento ricco di armoniche e con timbri e sonorità che possono variare moltissimo a seconda dell’utilizzo che ne viene fatto. Non sono strumenti economici e non sono neppure semplicissimi da trovare in commercio. E’ uno di quegli strumenti che consigliamo vivamente di acquistare solo dietro suggerimento di un musicista esperto o di un docente.

 

  • Strumenti Musicali a Corda

Gli strumenti a corda, dal punto di vista più musicale detti cordofoni, sono degli strumenti che emettono il loro suono per mezzo della vibrazione di una corda. Tale corda può essere messa in vibrazione o attraverso l’utilizzo delle dita o di un plettro e pizzicando la corda stessa, oppure attraverso lo sfregamento di un archetto contro la corda stessa. In realtà questo tipo di discorso è ben più ampio ma per semplicità e fruibilità lo abbiamo ridotto a questi concetti essenziali.

Così come la vastità dell’argomento emissione sonora e tipologie di strumenti, abbiamo deciso di ridurre al minimo anche il numero degli strumenti a corda, parlando soltanto di quelli più utilizzati e conosciuti un po’ da tutti, escludendo tutti gli strumenti a corda antichi, etnici o meno utilizzati anche nella musica moderna. Tratteremo il pianoforte, che potrebbe essere considerato strumento a percussione o strumento a corda da alcuni, perchè lo abbiamo inserito nella categoria Strumenti a Tastiera.

  • Il più utilizzato e di uso comune fra gli strumenti a corda è senza dubbio la Chitarra Classica. La chitarra classica è senza dubbio uno degli strumenti musicali più diffusi in tutto il mondo sia per la “praticità” dello strumento riferita alla grandezza e al peso, sia per via dell’infinito repertorio musicale a disposizione che, non ultimo, per il prezzo modico dello strumento. La chitarra classica, composta da 6 corde in nylon, è uno degli strumenti più acquistati in assoluto in ogni parte del mondo. In Italia, in particolare, rappresenta lo strumento più “aggregativo” per eccellenza anche se oggi la moda sta andando più verso l’ukulele, del quale parleremo più avanti. I prezzi della chitarra classica vanno da un minimo di 40 € fino a diverse migliaia per quelle professionali. In base alle nostre ricerche e test qualità, gli strumenti migliori nel rapporto qualità prezzo sono essere risultati in particolare la Chitarra Classica Yamaha C 40, la sua versione amplificata, cioè con la possibilità di essere collegata ad un impianto audio con un semplice cavo, la Chitarra Classica Yamaha CX40 e la Chitarra Classica Cordoba CP100. Ad un prezzo inferiore ha comunque dato degli ottimi risultati anche la Chitarra Classica Rodrigo JR 10, uno strumento che costa circa 60 euro. Per le chitarre classiche esistono, come negli esempi riportati, dei vantaggiosi Pack, o Kit di Chitarra che offrono la possibilità di avere all inclusive tutto ciò di cui si ha bisogno per iniziare a suonare.
  • La chitarra elettrica, così come la chitarra classica è uno degli strumenti più venduti in assoluto. Il suo funzionamento, in linea di massima, è noto a tutti. Il suono viene emesso per mezzo delle corde che trasmettono le vibrazioni ai pick up e una volta generato il suono viene diffuso per mezzo di un amplificatore. La chitarra elettrica, così come gli altri tipi di chitarra, è uno strumento molto economico nelle versioni da studio e ci sono pack completi di chitarra elettrica che partono da circa 140 euro a salire. Naturalmente, come abbiamo già detto e ripetuto più volte, si consiglia sempre di scegliere strumenti musicali nuovi e non strumenti musicali usati nel caso di apparecchiature elettriche o elettroniche, per via dell’usura dei componenti e della facilità di danni non prevedibili e senza garanzia. Per i nostri lettori abbiamo selezionato alcuni pack di chitarra elettrica molto interessanti sia a livello di prezzo che di qualità. Al prezzo più basso ma di ottima qualità sicuramente troviamo la chitarra elettrica VGS Start Kit prodotta dalla Gewa. In alternativa, ad un prezzo leggeremente più alto, ma è certamente la marca che garantisce, troviamo il Kit Chitarra elettrica Fender Squier Stratocaster disponibile anche in una versione superiore, il Pack Chitarra Elettrica Fender Squier Stratocaster HSS con amplificatore da 15 watt.

 

  • Simile alla chitarra classica, o apparentemente identica per chi non è esperto, c’è la chitarra acustica. Ci sono alcune differenze sostanziali rispetto alla classica e la più comune è l’utilizzo di corde in metallo anzichè in nylon. Naturalmente le differenze importanti sono altre e per un approfondimento, vi consigliamo di leggere questo articolo nel quale abbiamo spiegato in maniera più dettagliata le varie tipologie di chitarra. Per quanto riguarda le acustiche, così come le altre tipologie di chitarre, esistono di tutti i prezzi, da poche decine di euro fino a diverse migliaia. Uno dei modelli entry level che a nostro avviso ha dato ottimi risultati, considerando come sempre il fattore qualità prezzo, è sicuramente la Chitarra Acustica Eko Ranger 6 , uno strumento economico ma di buona qualità. Un altro modello dal costo leggermente maggiore è la Chitarra Acustica Yamaha F 310 P . Ottima qualità e buon prezzo.

 

      • Ukulele

  • Negli ultimi anni in Italia sta prendendo piede l’ukulele, una piccola chitarra a quattro corde. L’origine dell’ukulele è hawaiana ed è uno strumento che si presta moltissimo per la musica allegra, sia come strumento di accompagnamento che solista. L’ukulele è la chitarra hawaiana, uno strumento che al momento sta avendo nel nostro Paese un’evoluzione importante anche a livello didattico. Abbiamo già parlato in maniera approfondita dell’ukulele in questo articolo che vi invitiamo a leggere se siete particolarmente curiosi. Il costo dell’ukulele è davvero irrisorio perchè parte da circa 20 euro a salire. Esistono, così come per le chitarra, dei pack completi di ukulele prodotti anche dalla Gewa, azienda tedesca leader nel settore degli strumenti musicali. Questo Ukulele pack ne è un esempio.
    • Corde Sfregate

Gli stumenti a corda più conosciuti e diffusi che ottengono il suono per mezzo dello sfregamento dell’archetto sono:

  • Il violino è il più piccolo della famiglia tra gli strumenti musicali ad arco. Vengono chiamati ad arco perchè il suono è ottenuto per mezzo dello sfregamento di un archetto sulle corde dello strumento. Ci sono anche altri metodi per ottenere il suono dal violino e dagli strumenti ad arco in generale, ma approfondiremo questo argomento in altri articoli dedicati. Il violino può essere uno strumento molto economico o particolarmente costoso, dipende dal modello, dalla fabbricazione, dal legno e da molti altri fattori legati alla costruzione dello stesso. I violino dei quali ci occuperemo al momento sono strumenti musicali economici e adatti a chi inizia lo studio del violino. Quindi strumenti musicali entry level. Analizzando i vari modelli e marche abbiamo riscontrato che senza dubbio le marche migliori sono Stentor e Gewa. In particolare la Stentor crea violini entry level di ottima qualità e, soprattutto, nel nostro caso, i violini Stentor sono preparati dalla Domus Musica di Venezia; un’azienda italiana che importa e distribuisce strumenti e, nel caso degli archi, affida a liutai specializzati la preparazione degli strumenti ad arco. Da segnalare ai nostri lettori senza dubbio questi modelli:

 

      • Viola

  • La viola è molto simile al violino nella forma, ma leggermente più grande. E’ uno strumento musicale che non si utilizza mai nella fase iniziale dello studio, perchè per chi vuole studiare viola è previsto prima di tutto un percorso di studi con il violino e successivamente si passa alla viola. Per questa ragione non crediamo sia utile indicare modelli e prezzi della viola, perchè è comunque preferibile consultare un docente preparato in materia trattandosi di uno strumento che va affrontato quando si ha già una conoscenza musicale di base importante.
  • Il violoncello, uno degli strumenti musicali più grandi tra gli archi, è uno strumento particolarmente versatile. Le sue sonorità e la sua estensione consentono di affrontare qualsiasi tipo di repertorio e di genere. Con il violoncello si suona dal rock più ardito alla musica classica di tradizione, passando anche per il pop e il jazz. E’ forse al momento uno degli strumenti che più si presta alle sperimentazioni. Come il violino è disponibile in varie misure a seconda della grandezza del corpo e del braccio e ne esistono per tutte le tasche. Quelli che abbiamo ritenuto più validi dopo un’attenta analisi, sono i violoncelli Stentor e Gewa. Nella fascia entry level risultano essere i migliori strumenti musicali nel rapporto qualità prezzo. Di seguito abbiamo riportato alcuni modelli di violoncello da studio di ottima qualità.
  • Il contrabbasso, il più grande della famiglia degli archi, è uno strumento particolarmente interessante e attualmente molto utilizzato non solo nella musica classica, ma anche nella musica moderna e nel jazz. Uno strumento non particolarmente economico ma che si riesce a trovare anche a cifre più che ragionevoli. Abbiamo trovato un buon compromesso nel rapporto qualità prezzo con il Contrabbasso EKO EBB 6071.

 

  • Strumenti Musicali a Tastiera

  • Il pianoforte digitale è uno strumento a tastiera con la stessa estensione del pianoforte acustico, quindi 88 tasti pesati, ma con la grande differenza che il suono è generato attraverso dei circuiti elettronici e non per mezzo delle corde e dei martelletti, come nel pianoforte acustico. Il pianoforte digitale è molto utilizzato sia per i concerti di musica moderna, pop e jazz, che per lo studio dello strumento. Caratteristica principale è quella di emulare, in alcuni casi anche meglio, il pianoforte acustico, occupando tuttavia pochissimo spazio e generando un “rumore” quasi pari a zero. Anche dei pianoforti digitali abbiamo già parlato e per ulteriori informazioni potete approfondire in questo articolo. Le marche più comuni, e anche di migliore qualità, sono: Yamaha, Casio, Studiologic, Korg, Roland. Tra i modelli da studio più economici troviamo sicuramente
 

 

  • A differenza del pianoforte digitale, le tastiere elettroniche hanno un numero di tasti inferiore rispetto agli 88 tasti pesati del pianoforte digitale. Esistono modelli di tastiere elettroniche che partono da poche decine di euro, fino ad arrivare a diverse migliaia. La tecnologia ormai consente di avere livelli di riproduzione sonora e di arranger elevatissimi, anche nelle versioni entry level. Alcuni arranger, che vengono catalogati come tastiere, hanno tuttavia 88 tasti pesati come il pianoforte digitale. Lo Yamaha DGX 660 ne è un esempio. Per quanto riguarda le tastiere entry level molto economiche, la Casio è senza dubbio l’azienda che produce strumenti musicali di discereto livello ad un prezzo molto vantaggioso per chi inizia e soprattutto per l’utilizzo da parte di bambini. Di seguito abbiamo stilato un elenco di alcune tastiere entry level fino a salire alle professionali, molto utile per chi vuole avere un’idea più chiara.
  • Il pianoforte a coda non ha bisogno di presentazioni, perchè ognuno immagino vorrebbe avere un pianoforte a coda in casa, anche solo come oggetto di arredamento. E’ uno strumento piuttosto costo anche nelle fasce economiche e per l’acquisto di questo strumento è preferibile rivolgersi a punti vendita specializzati o richiedere la consulenza di un musicista esperto.
  • Il pianoforte vertivale acustico, spesso chiamato anche pianoforte a muro, è uno strumento molto conosciuto dai più. Utilizzato solo come strumento da studio e non per i concerti, il pianoforte verticale è uno strumento piuttosto costoso anche nelle fasce più economiche e spesso è sostituito dal pianoforte digitale. Tuttavia, qualora dovesse essere necessario avere un pianoforte verticale, esistono molte aziende che praticano il noleggio con riscatto del pianoforte. Pratica molto in uso da qualche anno.

Sia per il pianoforte verticale che per il pianoforte a coda esistono diverse marche e fasce di prezzo che abbiamo già trattato in questo articolo.

 

 

  • Strumenti Musicali a Percussione

Gli strumenti a percussione sono certamente i più numerosi tra le famiglie di strumenti. Per strumenti a percussione, in linea di massima, potremmo intendere tutti gli strumenti che vengono percossi o con le mani o per mezzo di un battente o bacchetta. Di seguito abbiamo selezionato i più utilizzati da chi inizia lo studio degli strumenti musicali.

    • Batteria

La batteria è uno degli strumenti che tutti conoscono e tutti, anche solo per “potersi sfogare” vorrebbero suonare almeno una volta nella vita. Composta da un set di tamburi di varie misure e da un set di piatti, la batteria è uno strumento molto divertente e versatile che può essere utilizzato in tutti i generi musicali. Esistono principalmente due categorie di batterie

  • La batteria elettronica è uno strumento musicale molto utilizzato da chi suona la batteria ma ha problemi di spazio e di inquinamento acustico. Ha una struttuta simile alla batteria acustica, ma racchiusa in uno spazio ben ridotto. Inoltre il suono della batteria elettronica è prodotto, come dice la parola stessa, per mezzo di impulsi elettronici per cui non genera alcun tipo di rumore. Esistono decine e decine di modelli di batteria elettronica. La marche più in uso al momento e con degli ottimi risultati sono Yamaha, Roland, Alesis. Di seguito abbiamo indicato alcuni dei modelli più comuni di batteria elettronica in commercio. Strumenti musicali che vanno da circa 200 euro fino a diverse migliaia. Anche in questo caso, così come già ribadito più volte nel corso di questo articolo, sconsigliamo l’acquisto di una batteria elettronica usata, per via della delicatezza dei componenti.

 

  • La batteria acustica è lo strumento che tutti vorrebbero percuotere, per provare a sfogare i propri istinti. E’ uno strumento molt amato dai più giovani, soprattutto dai ragazzi, ma negli ultimi anni sono sempre di più le ragazze che studiano batteria. Composta da kit di varia grandezza, è uno strumento che ha bisogno di qualche metro quadrato di spazio e, soprattutto, è preferibile acquistarlo solo se si hanno spazi insonorizzati o abitazioni singole. Purtroppo la batteria acustica è uno strumento molto rumoroso. Esistono modelli che vanno da 200 euro fino a diverse migliaia. Di seguito abbiamo indicato alcuni modelli entry level e modelli più professionali di batterie acustiche.

Tra le percussioni etniche spiccano senza dubbio le percussioni latino americane. Le più comuni sono le congas, i bongos e i timbales.

    • Percussioni Classiche

Tra le percussioni classiche quelle più utilizzate sono senza dubbio le seguenti:

Iscriviti Gratis alla nostra Newsletter per ricevere Sconti, Promozioni e Novità

Call Now Button

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi